Gestori di proprietà immobiliari di Parigi raggiungono un tasso di occupazione dell’80%

Panoramica

  • 7 loft di artigiani
  • Prima pubblicazione su Airbnb: 2014
  • Vantaggi principali: più del 50% di aumento del tasso di occupazione
  • Altri vantaggi: alloggi unici ottengono visibilità extra con Airbnb Plus

 

Quando dieci anni fa, Angie e Chris iniziarono a ristrutturare e affittare loft da artisti a Parigi, ebbero difficoltà ad attirare gli ospiti. Nonostante un annuncio pubblicato su tre piattaforme di viaggio online e sul proprio sito web, il tasso di occupazione superava raramente il 50%.

Ma le cose cambiarono cinque anni fa, quando, alla ricerca di un pubblico più vasto, iniziarono a pubblicare gli annunci dei loro sette alloggi Artisan Lofts Paris su Airbnb. La portata globale della piattaforma contribuì ad attirare un flusso costante di ospiti giovani e appassionati di tecnologia e, secondo la coppia, l’occupazione è salita a circa l’85% in alta stagione e al 75% in inverno, il periodo più calmo. 

Angie e Chris, Manager di proprietà di Artisan Lofts Paris

“Airbnb ha aperto il mercato dell’ospitalità a nuovi clienti e viaggiatori”, afferma Chris, ex consulente presso PwC. “Ha reso il settore un modello in termini di innovazione, tecnologia ed esperienze dei clienti.”

A host esperti come Angie e Chris, la piattaforma di Airbnb ha offerto non solo una vetrina internazionale, ma anche un mezzo per mettere in mostra splendidamente le foto dei loro eleganti mini loft, che sono vecchie pasticcerie, atelier di moda e studi di artisti riqualificati. Una galleria ben in evidenza permette loro di mostrare poster art déco, sedie degli anni ’50 e copriletti a scacchi rossi. Airbnb offre loro anche una piattaforma per condividere consigli locali con gli ospiti attraverso guide personalizzate che illustrano i luoghi in cui i parigini acquistano, cenano e bevono. 

"Airbnb ha dato a chiunque gestisca un'attività più piccola gli strumenti di un albergatore."

Chris, Manager di proprietà, Artisan Lofts Paris

“Ospitiamo perché amiamo viaggiare”, dichiara Chris. “Ci piace scoprire i luoghi con una prospettiva locale e non con quella di un turista. Così abbiamo deciso di iniziare a fare da host e aiutare i nostri ospiti a vivere come la gente del posto quando sono in viaggio.”

Nessuna cancellazione e recensioni eccellenti hanno aiutato Angie e Chris a mantenere lo stato di Superhost. Due dei loro annunci sono su Airbnb Plus, il programma che mette in evidenza alloggi verificati per qualità e design. Chris afferma che questo è un fattore di marketing fondamentale che permette di attirare ancora più ospiti.

“Airbnb ha creato qualcosa che altre piattaforme non sono mai state in grado di fare, ossia una categoria per host di alta qualità”, ha dichiarato. “È anche un’opportunità per il proprietario di casa per migliorare se stesso e cercare di essere ricompensato per il proprio impegno.”

Prima di unirsi a Airbnb, Chris e Angie ebbero difficoltà a gestire i loro calendari delle prenotazioni su diverse piattaforme e sul proprio software. “È stato un incubo”, ammette Chris. Airbnb ha permesso loro di sincronizzare tutti i calendari, in modo che le date delle prenotazioni non si sovrappongano. Sulla piattaforma, ci sono inoltre pagine di assistenza che forniscono alla coppia informazioni su come ottimizzare la propria attività su Airbnb. Dopo aver letto un consiglio che suggeriva di ridurre i requisiti minimi di durata del soggiorno, Angie e Chris hanno iniziato rapidamente ad attirare più clienti.

La coppia ha inoltre beneficiato degli strumenti per i prezzi automatizzati, che indicano tariffe ottimizzate con un anno di anticipo, sulla base di fattori come stagionalità, giorni della settimana ed eventi speciali. “Airbnb ha dato a chiunque gestisca un’attività più piccola gli strumenti di un albergatore”, afferma Chris.

Grazie al successo riscontrato a Parigi, la coppia sta ora espandendo la sua attività in Portogallo. Gli strumenti di co-hosting di Airbnb consentiranno loro di assumere delle persone che li aiuteranno a gestire i loro alloggi a distanza. “Ritengo che il concetto di co-host abbia cambiato il modo in cui le persone gestiscono la loro attività”, dice Chris. “Penso che Airbnb si interessi sempre all’innovazione e all’avanguardia.”


Vuoi saperne di più? Clicca qui per ulteriori informazioni sull’ospitalità professionale con Airbnb.  

 

 

Ricevi aggiornamenti sull'ospitalità professionale con Airbnb direttamente nella tua posta

Iscriviti